Verifica di congruità nel settore edile, a breve le nuove regole

21/07/2021 - È in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali che introduce un sistema di...

Ultimo aggiornamento:21/07/2021 06:01:35

21/07/2021 - È in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali che introduce un sistema di verifica della congruità dell’incidenza della manodopera impiegata nella realizzazione di lavori edili.
 
Il provvedimento, firmato qualche settimana fa dal Ministro Andrea Orlando e appena registrato dalla Corte dei conti, attua l’articolo 8, comma 10-bis, del Decreto Semplificazioni (DL 76/2020) e recepisce quanto definito dalle Parti sociali del settore edile con l’Accordo collettivo del 10 settembre 2020.
 
Il nuovo sistema - spiega il Ministero - punta a combattere il fenomeno del lavoro nero in edilizia e a far sì che la manodopera utilizzata nei cantieri edili sia effettivamente in misura proporzionata all’incarico affidato all’impresa, e prevede misure che saranno applicate dal 1° novembre 2021.
 
La verifica della congruità riguarda sia i lavori pubblici sia quelli privati (questi ultimi di valore pari o superiore a 70.000 euro) ed è eseguita in relazione agli indici minimi di congruità riferiti alle singole categorie di lavori, come riportati nella Tabella allegata all’Accordo del 10 settembre 2020.
 
L’attestazione di congruità - spiega ancora la nota - saràrilasciata, entro 10 giorni dalla richiesta, dalla Cassa Edile/Edilcassa territorialmente competente, su istanza dell’impresa affidataria o del soggetto da essa delegato oppure del committente.
 
Qualora non sia riscontrata la congruità, è previsto un meccanismo di regolarizzazione, in mancanza della quale l’esito negativo della verifica di congruità riferita alla singola opera (pubblica o privata) incide dalla data di emissione sulle successive verifiche di regolarità contributiva finalizzate al rilascio del DURC online per l'impresa affidataria.

 

Adblock test (Why?)

Continua a leggere su Edilportale